Educazione

Vuoi adottare un cane ma hai bisogno di qualche consiglio per la gestione della vostra nuova vita?
Vuoi migliorare la relazione con il tuo amico a quattro zampe?

edu1

EDUCAZIONE cinofila

I percorsi educativi e le attività cinofile presso il nostro Rifugio

PERCORSI PRE- E POST-ADOZIONE

OLYMPUS DIGITAL CAMERADa alcuni anni la sezione pavese della LNDC (Lega Nazionale per la Difesa del Cane) si avvale della presenza costante, all’interno della struttura, di educatori cinofili. Il rapporto assiduo tra il personale del Rifugio, i volontari che prestano la loro opera nella struttura e gli educatori, permette di migliorare sempre più il soggiorno dei cani ospiti, ma soprattutto la qualità delle adozioni.

 

In quest’ ottica si rende disponibile per i futuri adottanti, quando ritenuto necessario, l’affiancamento degli educatori in quella che è la fase più delicata dell’adozione: la prima conoscenza e l’introduzione in famiglia del nostro futuro amico a quattro zampe. È un modo per partire con il piede giusto! Prima ancora di portarlo a casa, gli adottanti hanno modo di informarsi su come gestire il cane non solo in generale, ma in ogni particolare e in base al profilo caratteriale dell’ amico prescelto. Molti ospiti del Rifugio dimostrano talvolta molta prudenza nell’avvicinare le persone: questa fiducia può aumentare conoscendo la futura famiglia poco alla volta e nell’arco di una breve serie di incontri.

edu3

 Nella fase successiva all’adozione, e cioè durante i primi due o tre mesi a casa, gli educatori sono sempre disponibili ad operare a favore della buona riuscita della relazione tra il cane e la sua nuova famiglia. Ogni adottante, già dal primo momento, viene a richiesta “istruito” dal personale del Rifugio sulla gestione ottimale del cane. È però durante il primo periodo di vita in casa, e non solo nei primissimi giorni, che il cane manifesta a mano a mano chi e cosa predilige o meno nella nuova famiglia e nel nuovo ambiente, urbano o rurale, in cui si trova a vivere. A stemperare eventuali difficoltà si potranno contattare gli educatori per un percorso mirato.

edu4

ALTRI PERCORSI

– COMPORTAMENTO E GESTIONE

Nei casi in cui emergono comportamenti sgraditi, o sentiti dai proprietari come difficili da gestire nei più diversi contesti famigliari e sociali, si possono organizzare a domicilio incontri personalizzati, calibrati specificamente sulle problematiche riscontrate. Uno dei motivi più frequenti di abbandono o cessione alle strutture come la nostra è proprio la mancanza di un supporto ai proprietari in simili frangenti. Prima interveniamo per individuare l’origine di questi comportamenti, prima si rende possibile un recupero del giusto equilibrio nella relazione con il nostro amico a quattro zampe!

edu5– SESSIONI DI SOCIALIZZAZIONE INTRA/EXTRASPECIFICHE

Da circa un anno un gruppo di educatori e volontari, accomunati da spirito di collaborazione reciproca, muove i primi passi verso la creazione di classi di socializzazione tra i cani ospiti, incontri cioè in area protetta fra alcuni cani ospiti scelti con attenzione.
Lo scopo primario di questa opera è di riattivare, o conservare vive, le loro competenze sociali: in tale maniera, al momento dell’adozione il cane troverà minori difficoltà ad introdursi nel contesto del suo quartiere e/o della sua zona. Ma altre motivazioni suggeriscono di procedere in questa direzione: assicurare agli ospiti una vita relazionale ed esperienziale ricca e positiva; migliorare l’equilibrio comportamentale con interazioni corrette e necessarie a un animale sociale quale è il cane; abituare ogni ospite a rispondere alle richieste del suo trainer di riferimento, così da accendere in lui l’attitudine a sentirsi parte di un binomio cane-uomo.

Si mira inoltre a portare ogni cane a rispondere ad alcune richieste elementari (richiamo, segnali di stop, attenzione rivolta a chi lo accompagna in presenza di altri cani) sempre nel rispetto delle caratteristiche mentali e sociali del singolo ospite. In parallelo si affianca una minima didattica sulle posture principali (seduto, terra) e sulla confidenza con l’uomo (manipolazioni, reciproche interazioni fisiche corrette, grooming, toelettatura).


Attenzione! le attività qui descritte mirano a evitare i casi di ingresso o rientro dei cani nei rifugi-canili.
Alleviando tutte le fasi critiche che possono insorgere nella relazione con i nostri amici, si evita un’esperienza spesso drammatica sia per il cane sia per l’uomo.

 

Per informazioni e contatti:

Carlo Pirola – educatore cinofilo
cell. 339 3707552
@ arlopiro@gmail.com

 


 

EDUCAZIONE
Progetti e ricerche

Esperti psicologi stanno già  portando avanti da un anno progetti di educazione nelle scuole e fra la popolazione, volti alla sensibilizzazione del rapporto uomo-cane e all’etica dell’adozione del cane in Rifugio.
Sono già fissati gli incontri di primavera 2015.

edu6 edu7