Fiore e Neve sono arrivate in Rifugio proprio con la neve dell’inverno scorso e di strada ne hanno fatta da allora!
In seguito ad un intervento massiccio delle forze dell’ordine e dei servizi veterinari, le due sorelline sono state recuperate in un gruppo di trenta-quaranta cani tenuti senza cibo in situazione di drammatico disagio sociale e sanitario, denutrite, spaventate e vittime delle leggi del branco. Abbiamo dato il nostro contributo per il ricollocamento di quei poveri animali accogliendo queste due sorelline e iniziando con loro un lungo e paziente percorso di recupero fisico e comportamentale. Fiore e Neve sono arrivate in Rifugio senza conoscere altri esseri umani al di là dei loro aguzzini, terrorizzate da ogni cosa, deprivate da ogni tipo di esperienza, ma profondamente e intrinsecamente buone e gentili d’animo.
Adesso finalmente possiamo, con soddisfazione, raccontarvi il loro percorso di recupero. Fiore e Neve sono due cagnoline non socializzate con l’essere umano e che hanno notevoli difficoltà a relazionarsi con le persone. Abbiamo iniziato a lavorare con loro fin da subito per cercare di renderci interessanti ai loro occhi e per questo è stato necessario limitare le interazioni con loro e dover organizzare il lavoro in base alle loro esigenze. Successivamente, con i tempi adeguati, abbiamo iniziato un percorso di familiarizzazione della presenza dell’umano e tutt’ora stiamo lavorando per aiutarle. Per dei risultati su considerazione ed accreditamento serve del tempo, ma noi siamo super fieri dei progressi che stanno facendo e vederle avvicinarsi spontaneamente alle loro persone di riferimento con le quali lavorano quotidianamente ci riempie di gioia. Al momento sono ancora molto legate e, nel tempo, sarà necessario un lavoro di stimolazione delle loro individualità messo in parallelo con quello di accreditamento degli umani al fine di spostare il loro centro preferenziale sulle persone.
Le “lupette”, come le chiamiamo noi, non sono ancora pronte per l’adozione, ma la loro vita sta migliorando di giorno in giorno, tra giochi, passeggiate e socializzazione. Vi terremo aggiornati con foto e video per condividere con i voi i loro grandi progressi. Il Rifugio è stato per loro la salvezza e il riscatto.
Dedichiamo la storia di Fiore e Neve ad Aki, la terza sorellina che aspettavamo, ma che le forze dell’ordine purtroppo non hanno fatto in tempo a salvare.